Interessante

Quale animale marino trattiene il respiro il più a lungo?

Quale animale marino trattiene il respiro il più a lungo?

Alcuni animali, come pesci, granchi e aragoste, possono respirare sott'acqua. Altri animali, come balene, foche, lontre marine e tartarughe, vivono tutta o parte della loro vita in acqua, ma non riescono a respirare sott'acqua. Nonostante la loro incapacità di respirare sott'acqua, questi animali hanno una straordinaria capacità di trattenere il respiro a lungo. Ma quale animale può trattenere il respiro più a lungo?

L'animale che trattiene il respiro il più a lungo

Finora, quel disco va alla balena dal becco di Cuvier, una balena di medie dimensioni conosciuta per le sue lunghe e profonde immersioni. Ci sono molte cose sconosciute sugli oceani, ma con gli sviluppi nelle tecnologie di ricerca, impariamo di più ogni giorno. Uno degli sviluppi più utili negli ultimi anni è stato l'uso di tag per tracciare i movimenti di un animale.

È stato attraverso l'uso di un tag satellitare che i ricercatori Schorr, et.al. (2014) hanno scoperto le incredibili capacità di trattenere il respiro di questa balena dal becco. Della costa della California, otto balene a becco di Cuvier furono etichettate. Durante lo studio, l'immersione più lunga registrata è stata di 138 minuti. Questa è stata anche la più profonda immersione registrata: la balena si è tuffata per più di 9.800 piedi.

Fino a questo studio, si pensava che le foche degli elefanti meridionali fossero i grandi vincitori delle Olimpiadi mozzafiato. Le foche elefanti femmine sono state registrate trattenendo il respiro per 2 ore e immergendosi per oltre 4000 piedi.

Come trattengono il respiro così a lungo?

Gli animali che trattengono il respiro sott'acqua hanno ancora bisogno di usare ossigeno durante quel periodo. Quindi come lo fanno? La chiave sembra essere la mioglobina, una proteina che lega l'ossigeno, nei muscoli di questi mammiferi marini. Poiché queste mioglobine hanno una carica positiva, i mammiferi possono averne di più nei loro muscoli, poiché le proteine ​​si respingono a vicenda, invece di rimanere attaccate e "intasare" i muscoli. I mammiferi in immersione profonda hanno dieci volte più mioglobina nei muscoli di noi. Ciò consente loro di avere più ossigeno da utilizzare quando sono sott'acqua.

Qual'è il prossimo?

Una delle cose interessanti della ricerca sull'oceano è che non sappiamo mai cosa succederà dopo. Forse altri studi di tagging dimostreranno che le balene a becco di Cuvier possono trattenere il respiro ancora più a lungo o che esiste una specie di mammifero che può superare anche loro.

Fonti e ulteriori informazioni

  • Kooyman, G. 2002. "Fisiologia delle immersioni".NelPerrin, W.F., Wursig, B. e J.G.M. Thewissen. Enciclopedia dei mammiferi marini. Academic Press. p. 339-344.
  • Lee, J.J. 2013. Come i mammiferi subacquei restano sott'acqua per così tanto tempo. National Geographic. Accesso al 30 settembre 2015.
  • Palmer, J. 2015. Segreti degli animali che si tuffano nel profondo dell'oceano. BBC. Accesso al 30 settembre 2015.
  • Schorr GS, Falcone EA, Moretti DJ, Andrews RD (2014) Primi record comportamentali a lungo termine da Cuvier Beaked Whales (Ziphius cavirostris) Reveal Record-Breaking Dives. PLoS ONE 9 (3): e92633. doi: 10.1371 / journal.pone.0092633. Accesso al 30 settembre 2015.