Nuovo

Hai davvero degli insetti che vivono tra le tue ciglia?

Hai davvero degli insetti che vivono tra le tue ciglia?

Probabilmente non pensi alla tua faccia come a una fattoria di insetti, ma è vero. La pelle umana sta letteralmente strisciando con microscopici insetti chiamati acari e queste creature hanno una predilezione per i follicoli piliferi, in particolare quelli che appartengono alle ciglia e ai capelli delle narici. Normalmente, queste creature piccolissime non causano problemi ai loro ospiti umani ma in rari casi possono causare infezioni agli occhi.

Storia degli acari

Conosciamo gli acari del viso dai primi anni del 1840, grazie alla loro scoperta pressoché simultanea da parte di due scienziati tedeschi. Nel 1841, Frederick Henle trovò piccoli parassiti che vivevano nel cerume ma non era sicuro di come classificarli nel regno animale. Lo ha detto in una lettera al medico tedesco Gustav Simon, che ha scoperto gli stessi parassiti l'anno dopo mentre studiava brufoli facciali.Demodex folliculorum era arrivato.

Più di un secolo dopo, nel 1963, uno scienziato russo di nome L. Kh. Akbulatova notò che alcuni acari del viso erano un po 'più piccoli di altri. Considerava gli acari più corti una sottospecie e si riferiva a loro come Demodex brevis. Lo studio successivo ha stabilito che l'acaro era in realtà una specie distinta, con una morfologia unica che lo differenziava dalle più grandi Demodex folliculorum.

Tutto sugli acari

Esistono più di 60 specie di acari parassiti, ma solo due,Demodex folliculorum eDemodex brevis, piace vivere sugli esseri umani. Entrambi possono essere trovati sul viso, così come sul torace, sulla schiena, sull'inguine e sui glutei. IlDemodex brevis, a volte chiamato l'acaro del viso, preferisce vivere vicino alle ghiandole sebacee, che producono olio per mantenere umida la pelle e i capelli. (Queste ghiandole causano anche brufoli e acne quando si intasano o si infettano.) L'acaro delle ciglia,Demodex folliculorum, preferisce vivere sul follicolo pilifero stesso.

La ricerca mostra che più sei vecchio, più acari del viso sono nascosti nei follicoli facciali. I neonati sono privi di acari, ma all'età di 60 anni praticamente tutti gli esseri umani sono infestati dagli acari del viso. Si ritiene che gli acari del viso si diffondano da persona a persona attraverso uno stretto contatto e un adulto umano sano viene colonizzato da 1.000 a 2.000 acari del follicolo in qualsiasi momento, senza effetti negativi.

Gli acari del viso hanno otto zampe tozze e teste e corpi lunghi e sottili che consentono loro di muoversi facilmente dentro e fuori dai follicoli piliferi. Gli acari del viso sono piccoli, misurano solo una frazione di millimetro. Trascorrono la vita a testa in giù nel follicolo, afferrando i capelli o sferzando forte i piedi.

Acari del follicolo (Demodex folliculorum) in genere vivono in gruppi, con alcuni acari che condividono un follicolo. Gli acari del viso più piccoli (Demodex brevis) sembrano essere solitari e generalmente solo uno occuperà un determinato follicolo. Entrambe le specie si nutrono delle secrezioni di ghiandole oleifere eDemodex folliculorum si pensa che si nutra anche di cellule morte.

Occasionalmente, un acaro può avere bisogno di un cambiamento di scenario. Gli acari del viso sono fotofobici, quindi aspettano che il sole tramonti e le luci si spengano prima di indietreggiare lentamente dal loro follicolo e fare il viaggio arduo (spostandosi a una velocità di circa un centimetro all'ora) verso un nuovo follicolo.

Ci sono ancora alcune cose che i ricercatori non conoscono gli acari del viso, specialmente quando si tratta della loro vita riproduttiva. Gli scienziati ritengono che gli acari facciali possano deporre solo un uovo alla volta perché ogni uovo può avere la metà delle dimensioni del suo genitore. La femmina deposita le sue uova nel follicolo pilifero e si schiudono in circa tre giorni. Nel giro di una settimana, l'acaro progredisce attraverso i suoi stadi ninfali e raggiunge l'età adulta. Gli acari vivono circa 14 giorni.

Problemi di salute

Il legame tra acari del viso e problemi di salute non è ben compreso, tuttavia, gli scienziati affermano che normalmente non pongono alcun problema per le persone. Il disturbo più comune, chiamato demodicosi, è causato da una sovrabbondanza di acari sulla pelle e sui follicoli piliferi. I sintomi includono prurito, arrossamento o bruciore agli occhi; infiammazione intorno alla palpebra; e scarico croccante intorno all'occhio. Cerca un trattamento medico se hai uno di questi sintomi, che può anche indicare altri problemi di salute oltre agli acari.

In alcuni casi, il medico può raccomandare una prescrizione o un trattamento antibiotico da banco. Alcune persone raccomandano anche di pulire le ciglia con tea tree o olio di lavanda e di lavare il viso con shampoo per bambini per rimuovere gli acari. Potresti anche considerare di sospendere l'uso di cosmetici, in particolare mascara e eyeliner, fino a quando la tua pelle è chiara.

Le persone che soffrono di rosacea e dermatite tendono ad avere un numero molto più elevato di acari del viso sulla pelle rispetto alle persone con pelle chiara. Tuttavia, gli scienziati affermano che non esiste una chiara correlazione. Gli acari possono provocare la fuoriuscita della pelle o l'infezione può attirare popolazioni di acari anormalmente grandi. Popolazioni di acari del viso di grandi dimensioni sono state trovate anche su persone che soffrono di altri disturbi dermatologici, come l'alopecia (perdita di capelli), la madarosi (perdita di sopracciglia) e le infezioni di capelli e ghiandole oleose sulla testa e sul viso. Questi sono abbastanza rari e il legame tra loro e gli acari è ancora allo studio.

Fonti:

  • Hassan, Iffat e Piuttosto, Parvaiz Anwar. "Umano". Diario indiano di dermatologia. Gennaio-febbraio 2014.Demodex Acaro: l'acaro versatile di importanza dermatologica
  • Jones, Lucy. "Questi acari microscopici vivono sul tuo viso." BBC.com. 8 maggio 2015.
  • Knutson, Roger M. "Furtive Fauna: una guida sul campo alle creature che vivono su di te." Viking Penguin, 1992.
  • Berenbaum, May R. "Bug nel sistema: insetti e il loro impatto sulla vita umana". Addison-Wesley, 1995.
  • Rajan, T.V. "Manuale di parassitologia medica". BI Publications Pvt Ltd, 2008.
  • Gutiérrez, Yezid. "Patologia diagnostica delle infezioni parassitarie: con correlazioni cliniche." Oxford University Press, 2000.