Consigli

Guerra civile americana: maggiore generale Joseph Hooker

Guerra civile americana: maggiore generale Joseph Hooker

Nato il 13 novembre 1814 a Hadley, MA, Joseph Hooker era figlio del proprietario del negozio Joseph Hooker e Mary Seymour Hooker. Cresciuto localmente, la sua famiglia proveniva dal vecchio ceppo del New England e suo nonno aveva servito come capitano durante la Rivoluzione americana. Dopo aver ricevuto la sua prima educazione alla Hopkins Academy, decise di intraprendere una carriera militare. Con l'assistenza di sua madre e del suo insegnante, Hooker è stato in grado di attirare l'attenzione del rappresentante George Grennell che ha fissato un appuntamento alla United State Military Academy.

Arrivati ​​a West Point nel 1833, i compagni di classe di Hooker includevano Braxton Bragg, Jubal A. Early, John Sedgwick e John C. Pemberton. Avanzando attraverso il curriculum, si è dimostrato uno studente medio e si è laureato quattro anni dopo al 29 ° posto in una classe di 50. Commissionato come secondo luogotenente nella 1a artiglieria statunitense, fu inviato in Florida per combattere nella Seconda Guerra Seminole. Mentre era lì, il reggimento prese parte a diversi impegni minori e dovette sopportare sfide dal clima e dall'ambiente.

Messico

Con l'inizio della guerra messicano-americana nel 1846, Hooker fu assegnato allo staff del generale di brigata Zachary Taylor. Partecipando all'invasione del nord-est del Messico, ricevette una promozione brevetto per il capitano della sua esibizione nella battaglia di Monterrey. Trasferito nell'esercito del maggiore generale Winfield Scott, prese parte all'assedio di Veracruz e alla campagna contro Città del Messico. Ancora una volta in qualità di ufficiale dello staff, ha costantemente mostrato frescura sotto il fuoco. Nel corso dell'anticipo, ricevette ulteriori promozioni di brevetti per il colonnello maggiore e tenente. Un bell'ufficiale giovane, Hooker iniziò a farsi una reputazione come uomo da donna mentre si trovava in Messico e fu spesso chiamato dagli abitanti del posto il "Capitano Bello".

Tra le guerre

Nei mesi successivi alla guerra, Hooker ebbe uno scontro con Scott. Questo fu il risultato di Hooker che sosteneva il maggiore generale Gideon Pillow contro Scott alla corte marziale dell'ex. Il caso ha visto Pillow accusato di insubordinazione a seguito del rifiuto di rivedere esagerate relazioni post-azione e quindi di inviare lettere al Delta di New Orleans. Dato che Scott era il generale senior dell'esercito americano, le azioni di Hooker avevano conseguenze negative a lungo termine per la sua carriera e lasciò il servizio nel 1853. Stabilendosi a Sonoma, in California, iniziò a lavorare come sviluppatore e agricoltore. Sorvegliando una fattoria di 550 acri, Hooker coltivava cordwood con un successo limitato.

Sempre più insoddisfatto di queste attività, Hooker si rivolse al bere e al gioco d'azzardo. Ha anche provato la sua politica, ma è stato sconfitto nel tentativo di candidarsi per il legislatore statale. Stanco della vita civile, Hooker fece domanda al segretario alla guerra John B. Floyd nel 1858 e chiese di essere reintegrato come tenente colonnello. Questa richiesta fu respinta e le sue attività militari furono limitate a una colonizzazione nella milizia californiana. Uno sbocco per le sue aspirazioni militari, ha supervisionato il suo primo accampamento nella contea di Yuba.

Inizia la guerra civile

Con lo scoppio della guerra civile, Hooker si trovò a mancare i soldi per viaggiare verso est. Puntato da un amico, fece il viaggio e offrì immediatamente i suoi servizi all'Unione. I suoi sforzi iniziali furono respinti e fu costretto a guardare la prima battaglia di Bull Run come spettatore. Sulla scia della sconfitta, scrisse una lettera appassionata al presidente Abraham Lincoln e fu nominato brigadiere generale dei volontari nell'agosto 1861.

Passando rapidamente dalla brigata al comando di divisione, aiutò il maggiore generale George B. McClellan a organizzare la nuova armata del Potomac. Con l'inizio della campagna sulla penisola all'inizio del 1862, comandò la 2a divisione, III corpo. Avanzando nella penisola, la divisione di Hooker prese parte all'assedio di Yorktown in aprile e maggio. Durante l'assedio, si guadagnò la reputazione di prendersi cura dei suoi uomini e di vedere il loro benessere. Si esibì bene nella Battaglia di Williamsburg il 5 maggio, Hooker fu promosso a maggior efficacia generale quella data sebbene si sentisse offuscato dal rapporto post azione del suo superiore.

Combattere Joe

Fu durante la sua permanenza sulla penisola che Hooker si guadagnò il soprannome di "Fighting Joe". Non gradito da Hooker che pensava che lo facesse sembrare un comune bandito, il nome era il risultato di un errore tipografico in un giornale del Nord. Nonostante l'Unione si rovesci durante le Battaglie dei sette giorni in giugno e luglio, Hooker continuò a brillare sul campo di battaglia. Trasferito a nord nell'Armata della Virginia del Maggiore Generale John Pope, i suoi uomini presero parte alla sconfitta dell'Unione a Second Manassas a fine agosto.

Il 6 settembre gli fu dato il comando di III Corpo, che fu ridisegnato I Corpo sei giorni dopo. Mentre l'esercito della Virginia del Nord della Virginia del Generale Robert E. Lee si spostava a nord nel Maryland, fu inseguito dalle truppe dell'Unione sotto McClellan. Hooker guidò per la prima volta il suo corpo in battaglia il 14 settembre quando combatté bene a South Mountain. Tre giorni dopo, i suoi uomini aprirono i combattimenti nella battaglia di Antietam e ingaggiarono truppe confederate sotto il maggiore generale Thomas "Stonewall" Jackson. Nel corso dei combattimenti, Hooker è stato ferito al piede e ha dovuto essere rimosso dal campo.

Recuperato dalla sua ferita, tornò nell'esercito per scoprire che il maggiore generale Ambrose Burnside aveva sostituito McClellan. Dato il comando di una "Grande Divisione" composta da III e V Corpo, i suoi uomini subirono pesanti perdite quel dicembre nella battaglia di Fredericksburg. Per lungo tempo un critico vocale dei suoi superiori, Hooker attaccò incessantemente Burnside sulla stampa e sulla scia del fallito marzo del fango di quest'ultimo nel gennaio 1863 questi si intensificarono. Sebbene Burnside intendesse rimuovere il suo avversario, gli fu impedito di farlo quando fu sollevato da Lincoln il 26 gennaio.

Al comando

Per sostituire Burnside, Lincoln si rivolse a Hooker per la sua reputazione di combattimenti aggressivi e scelse di trascurare la storia del generale di schiettezza e vita dura. Assumendo il comando dell'Armata del Potomac, Hooker lavorò instancabilmente per migliorare le condizioni dei suoi uomini e migliorare il morale. Questi ebbero molto successo ed era molto apprezzato dai suoi soldati. Il piano di Hooker per la primavera prevedeva un raid su larga scala per interrompere le linee di rifornimento confederate mentre prendeva l'esercito in una marcia fiancheggiante per colpire la posizione di Lee a Fredericksburg nella parte posteriore.

Mentre il raid di cavalleria fu in gran parte un fallimento, Hooker riuscì a sorprendere Lee e ottenne un vantaggio iniziale nella battaglia di Chancellorsville. Sebbene abbia avuto successo, Hooker iniziò a perdere il coraggio mentre la battaglia continuava e assumeva una postura sempre più difensiva. Preso sul fianco da un audace attacco di Jackson il 2 maggio, Hooker fu costretto a ritirarsi. Il giorno successivo, al culmine dei combattimenti, fu ferito quando il pilastro contro il quale era appoggiato fu colpito da una palla di cannone. Inizialmente incosciente, fu inabilitato per gran parte della giornata ma si rifiutò di cedere il comando.

Recuperato, fu costretto a ritirarsi attraverso il fiume Rappahannock. Dopo aver sconfitto Hooker, Lee iniziò a spostarsi a nord per invadere la Pennsylvania. Diretto per lo screening di Washington e Baltimora, Hooker lo seguì sebbene avesse inizialmente suggerito uno sciopero a Richmond. Spostandosi a nord, entrò in una disputa sugli accordi difensivi a Harpers Ferry con Washington e impulsivamente offrì le sue dimissioni in segno di protesta. Avendo sempre più perso la fiducia in Hooker, Lincoln accettò e nominò il maggiore generale George G. Meade in sostituzione di lui. Meade avrebbe portato l'esercito alla vittoria a Gettysburg pochi giorni dopo.

Va a ovest

Sulla scia di Gettysburg, Hooker fu trasferito a ovest dell'Esercito del Cumberland insieme all'XI e al XII Corpo. Servendo sotto il maggiore generale Ulisse S. Grant, riacquistò rapidamente la sua reputazione di comandante effettivo nella battaglia di Chattanooga. Durante queste operazioni, i suoi uomini vinsero la Battaglia di Lookout Mountain il 23 novembre e due giorni dopo parteciparono ai combattimenti più grandi. Nell'aprile 1864, XI e XII Corpo furono consolidati in XX Corpo sotto il comando di Hooker.

Nell'esercito dell'esercito del Cumberland, XX Corps si esibì bene durante il viaggio del maggiore generale William T. Sherman contro Atlanta. Il 22 luglio, il comandante dell'Armata del Tennessee, il maggiore generale James McPherson, fu ucciso nella battaglia di Atlanta e sostituito dal maggiore generale Oliver O. Howard. Questo fece incazzare Hooker quando era anziano e incolpò Howard della sconfitta a Chancellorsville. Gli appelli a Sherman furono vani e Hooker chiese di essere sollevato. Partenza dalla Georgia, gli fu dato il comando del Dipartimento del Nord per il resto della guerra.

Vita successiva

Dopo la guerra, Hooker rimase nell'esercito. Si ritirò nel 1868 come maggiore generale dopo aver subito un ictus che lo lasciò parzialmente paralizzato. Dopo aver trascorso gran parte della sua vita in pensione a New York City, morì il 31 ottobre 1879, mentre visitava Garden City, New York. Fu sepolto nel cimitero di Spring Grove a sua moglie, Olivia Groesbeck, città natale di Cincinnati, Ohio. Sebbene noto per il suo bere duro e il suo stile di vita selvaggio, l'entità delle scappatelle personali di Hooker è oggetto di molti dibattiti tra i suoi biografi.