Informazioni

Qual è stata la restaurazione Meiji?

Qual è stata la restaurazione Meiji?

La Restaurazione Meiji fu una rivoluzione politica e sociale in Giappone dal 1866 al 1869 che mise fine al potere dello shogun Tokugawa e riportò l'imperatore in una posizione centrale nella politica e nella cultura giapponese. Prende il nome da Mutsuhito, l'imperatore Meiji, che fu la polena del movimento.

Contesto della Restaurazione Meiji

Quando il commodoro Matthew Perry degli Stati Uniti entrò a vapore nella Baia di Edo (Baia di Tokyo) nel 1853 e chiese a Tokugawa il Giappone di consentire l'accesso al commercio alle potenze straniere, iniziò inconsapevolmente una catena di eventi che portarono all'ascesa del Giappone come moderna potenza imperiale. Le élite politiche giapponesi hanno capito che gli Stati Uniti e altri paesi erano in vantaggio in termini di tecnologia militare e (giustamente) si sentivano minacciati dall'imperialismo occidentale. Dopotutto, la potente Cina Qing era stata messa in ginocchio dalla Gran Bretagna quattordici anni prima durante la prima guerra dell'oppio e presto avrebbe perso anche la seconda guerra dell'oppio.

Piuttosto che subire un destino simile, alcune delle élite giapponesi hanno cercato di chiudere le porte ancora più forte contro l'influenza straniera, ma più lungimirante ha iniziato a pianificare una spinta alla modernizzazione. Sentivano che era importante avere un forte imperatore al centro dell'organizzazione politica giapponese per proiettare il potere giapponese e respingere l'imperialismo occidentale.

L'Alleanza Satsuma / Choshu

Nel 1866, il daimyo di due domini giapponesi meridionali - Hisamitsu del dominio Satsuma e Kido Takayoshi del dominio Choshu - formò un'alleanza contro lo Shogunato Tokugawa che aveva governato da Tokyo in nome dell'imperatore dal 1603. I leader Satsuma e Choshu cercarono di rovesciare il Tokugawa shogun e posiziona l'Imperatore Komei in una posizione di vero potere. Attraverso di lui, hanno sentito di poter affrontare più efficacemente la minaccia straniera. Tuttavia, Komei morì nel gennaio 1867 e suo figlio adolescente Mutsuhito salì al trono come imperatore Meiji il 3 febbraio 1867.

Il 19 novembre 1867, Tokugawa Yoshinobu rassegnò le dimissioni come quindicesimo shogun di Tokugawa. Le sue dimissioni trasferirono ufficialmente il potere al giovane imperatore, ma lo shogun non avrebbe rinunciato al controllo reale del Giappone così facilmente. Quando Meiji (allenato dai signori Satsuma e Choshu) emanò un decreto imperiale che dissolveva la casa di Tokugawa, lo shogun non ebbe altra scelta che ricorrere alle armi. Mandò il suo esercito di samurai verso la città imperiale di Kyoto, con l'intenzione di catturare o deporre l'imperatore.

La guerra di Boshin

Il 27 gennaio 1868, le truppe di Yoshinobu si scontrarono con samurai dell'alleanza Satsuma / Choshu; la lunga battaglia di quattro giorni di Toba-Fushimi si è conclusa con una grave sconfitta per il bakufu e ha dato il via alla guerra di Boshin (letteralmente "Anno della guerra del drago"). La guerra durò fino al maggio del 1869, ma l'imperatore, le truppe con le loro armi e tattiche più moderne, ebbe il sopravvento fin dall'inizio.

Tokugawa Yoshinobu si arrese a Saigo Takamori di Satsuma e consegnò il castello di Edo l'11 aprile 1869. Alcuni dei più impegnati samurai e daimyo continuarono a combattere per un altro mese da roccaforti nell'estremo nord del paese, ma era chiaro che la Restaurazione Meiji era inarrestabile.

Cambiamenti radicali dell'era Meiji

Una volta che il suo potere fu assicurato, l'Imperatore Meiji (o più precisamente, i suoi consiglieri tra l'ex daimyo e gli oligarchi) si misero a rimodellare il Giappone in una potente nazione moderna. Essi:

  • Abolita la struttura di classe a quattro livelli
  • Istituì un moderno esercito di leva che usava divise, armi e tattiche in stile occidentale al posto del samurai
  • Ho ordinato l'istruzione elementare universale per ragazzi e ragazze
  • Intendeva migliorare la produzione in Giappone, che era stata basata su tessuti e altri beni simili, passando invece alla produzione di macchinari pesanti e armi.

Nel 1889, l'imperatore emise la Costituzione di Meiji, che trasformò il Giappone in una monarchia costituzionale modellata sulla Prussia.

Nel corso di pochi decenni, questi cambiamenti hanno portato il Giappone da una nazione insulare semi-isolata minacciata dall'imperialismo straniero a essere un potere imperiale a sé stante. Il Giappone prese il controllo della Corea, sconfisse la Cina Qing nella guerra sino-giapponese del 1894 al '95 e scioccò il mondo sconfiggendo la marina e l'esercito dello zar nella guerra russo-giapponese del 1904 al '05.

Miscelazione antica e moderna da ricostruire

La Restaurazione Meiji è talvolta caratterizzata come un colpo di stato o una rivoluzione che pone fine al sistema shogunal per i moderni metodi governativi e militari occidentali. Lo storico Mark Ravina ha suggerito che i leader che hanno creato gli eventi del 1866-69 non lo hanno fatto solo per emulare le pratiche occidentali, ma anche per ripristinare e rilanciare le vecchie istituzioni giapponesi. Piuttosto che uno scontro tra metodi moderni e tradizionali, o tra pratiche occidentali e giapponesi, afferma Ravina, è stato il risultato di una lotta per colmare quelle dicotomie e creare nuove istituzioni che potrebbero evocare sia l'unicità giapponese che il progresso occidentale.

E non è successo nel vuoto. All'epoca era in corso una trasformazione politica globale, che comportava l'ascesa del nazionalismo e degli stati-nazione. Gli imperi multietnici di lunga data - Ottomano, Qinq, Romanov e Asburgo - stavano tutti peggiorando, per essere sostituiti da stati nazionali che affermavano un'entità culturale specifica. Uno stato-nazione giapponese era considerato vitale quanto una difesa contro la predazione straniera.

Sebbene la Restaurazione Meiji abbia causato molti traumi e dislocazioni sociali in Giappone, ha anche permesso al paese di unirsi ai ranghi delle potenze mondiali all'inizio del XX secolo. Il Giappone avrebbe continuato ad avere un potere sempre maggiore in Asia orientale fino a quando le maree si fossero ribaltate nella seconda guerra mondiale. Oggi, tuttavia, il Giappone rimane la terza più grande economia del mondo e un leader nell'innovazione e nella tecnologia, grazie in gran parte alle riforme della Restaurazione Meiji.

Risorse e ulteriori letture

  • Beasley, W.G. Il restauro Meiji. Università di Stanford, 2019.
  • Craig, Albert M. Choshu nella Restaurazione Meiji. Lexington, 2000.
  • Ravina, Mark. Stare con le nazioni del mondo: la restaurazione giapponese Meiji nella storia del mondo. Università di Oxford, 2017.
  • Wilson, George M. "Trame e motivi nella restaurazione giapponese del Meiji". Studi comparati in società e storia, vol. 25, n. 3, luglio 1983, pagg. 407-427.