Nuovo

Storia del Maya Quiché

Storia del Maya Quiché

Il Popol Vuh ("Libro del Consiglio" o "Documenti del Consiglio") è il libro sacro più importante del Quiché; (o K'iche ') Maya delle Highlands guatemalteche. Il Popol Vuh è un testo importante per comprendere la religione, il mito e la storia dei tardo postclassici e dei primi Maya coloniali, ma anche perché offre interessanti scorci nelle credenze del periodo classico.

Storia del testo

Il testo sopravvissuto del Popol Vuh non è stato scritto in geroglifici Maya, ma è piuttosto una traslitterazione in sceneggiatura europea scritta tra il 1554 e il 1556 da qualcuno che si dice fosse un nobile quiché. Tra il 1701-1703, il frate spagnolo Francisco Ximenez trovò quella versione in cui era di stanza a Chichicastenango, lo copiò e tradusse il documento in spagnolo. La traduzione di Ximenez è attualmente archiviata nella Newberry Library di Chicago.

Esistono numerose versioni del Popol Vuh nelle traduzioni in varie lingue: la più conosciuta in inglese è quella del mayanista Dennis Tedlock, originariamente pubblicata nel 1985; Low et al. (1992) ha confrontato le varie versioni inglesi disponibili nel 1992 e ha osservato che Tedlock si è immerso nel punto di vista Maya il più possibile, ma con e in gran parte ha scelto la prosa piuttosto che la poesia dell'originale.

Il contenuto di Popol Vuh

Ora si increspa ancora, ora mormora ancora, si increspa, sospira ancora, canticchia ancora ed è vuota sotto il cielo (dalla terza edizione di Tedlock, 1996, descrivendo il mondo primordiale prima della creazione)

Popol Vuh è una narrazione della cosmogonia, della storia e delle tradizioni dei Maya di K'iche prima della conquista spagnola nel 1541. La narrazione è presentata in tre parti. La prima parte parla della creazione del mondo e dei suoi primi abitanti; il secondo, probabilmente il più famoso, narra la storia di Hero Twins, una coppia di semi-divinità; e la terza parte è la storia delle nobili dinastie familiari di Quiché.

Mito della creazione

Secondo il mito di Popol Vuh, all'inizio del mondo, c'erano solo i due dei creatori: Gucumatz e Tepeu. Questi dei decisero di creare la terra dal mare primordiale. Una volta creata la terra, gli dei la popolarono di animali, ma presto si resero conto che gli animali non erano in grado di parlare e quindi non potevano adorarli. Per questo motivo, gli dei hanno creato gli umani e il loro ruolo è stato relegato nel cibo per gli umani. Questa generazione di umani è stata creata dal fango, quindi era debole e presto distrutta.

Come terzo tentativo, gli dei crearono uomini di legno e donne di canne. Queste persone popolarono il mondo e procrearono, ma presto dimenticarono i loro dei e furono puniti con un diluvio. I pochi sopravvissuti furono trasformati in scimmie. Alla fine, gli dei decisero di modellare l'umanità dal mais. Questa generazione, che comprende l'attuale razza umana, è in grado di adorare e nutrire gli dei.

Nella narrazione di Popol Vuh, la creazione del popolo del mais è preceduta dalla storia di Hero Twins.

La storia di Hero Twins

The Hero Twins, Hunahpu e Xbalanque erano i figli di Hun Hunahpu e una dea del mondo sotterraneo di nome Xquic. Secondo il mito, Hun Hunahpu e suo fratello gemello Vucub Hunahpu erano convinti dai signori degli inferi a giocare a pallone con loro. Furono sconfitti e sacrificati e la testa di Hun Hunahpu fu posta su un albero di zucca. Xquic fuggì dagli inferi e fu impregnato del sangue gocciolante dalla testa di Hun Hunahpu e diede alla luce la seconda generazione di gemelli eroi, Hunahpu e Xbalanque.

Hunahpu e Xbalanque vivevano sulla terra con la nonna, la madre dei primi Hero Twins, e divennero grandi giocatori di baseball. Un giorno, come era successo a loro padre, furono invitati a giocare una partita a pallone con i Signori di Xibalba, gli inferi, ma a differenza di loro padre, non furono sconfitti e resistettero a tutte le prove e i trucchi pubblicati dagli dei inferi. Con un trucco finale, riuscirono a uccidere i signori Xibalba e a far rivivere il padre e lo zio. Hunahpu e Xbalanque hanno poi raggiunto il cielo dove sono diventati il ​​sole e la luna, mentre Hun Hunahpu è diventato il dio del mais, che emerge ogni anno dalla terra per dare vita alla gente.

Le origini delle dinastie Quiché

La parte finale del Popol Vuh narra la storia delle prime persone create dal mais dalla coppia ancestrale, Gucumatz e Tepeu. Tra questi c'erano i fondatori delle nobili dinastie Quiché. Sono stati in grado di lodare gli dei e hanno vagato per il mondo fino a quando non hanno raggiunto un luogo mitico in cui potevano ricevere gli dei in sacri fasci e portarli a casa. Il libro si chiude con l'elenco dei lignaggi Quiché fino al XVI secolo.

Quanti anni ha Popol Vuh?

Sebbene i primi studiosi credessero che i Maya viventi non avessero alcun ricordo del Popol Vuh, alcuni gruppi conservano una notevole conoscenza delle storie, e nuovi dati hanno portato la maggior parte dei Maya a accettare che una qualche forma del Popol Vuh sia stata almeno centrale nella religione Maya dal periodo tardo classico Maya. Alcuni studiosi come Prudence Rice hanno sostenuto una data molto più antica.

Gli elementi della narrazione nel Popol Vuh sostengono che Rice sembra risalire alla tarda separazione arcaica delle famiglie linguistiche e dei calendari. Inoltre, la storia del soprannaturale ophidian a una gamba che è associata a pioggia, fulmini, vita e creazione è associata ai re Maya e alla legittimità dinastica durante la loro storia.

Aggiornato da K. Kris Hirst

fonti

  • Dizionario di archeologia.
  • Carlsen RS e Prechtel M. 1991. The Flowering of the Dead: An Interpretation of Highland Maya Culture. Uomo 26(1):23-42.
  • Knapp BL. 1997. The Popol Vuh: Primordial Mother partecipa alla creazione. Confluencia 12(2):31-48.
  • Low D, Morley S, Goetz D, Recinos A, xe, Edmonson M e Tedlock D. 1992. Un confronto tra le traduzioni inglesi di un testo Maya, il Popol Vuh. "Studi nelle letterature indiane americane" 4 (2/3): 12-34.
  • Miller ME e Taube K. 1997. "Un dizionario illustrato degli dei e dei simboli dell'antico Messico e dei Maya". Londra: Tamigi e Hudson.
  • Paulinyi Z. 2014. Il dio uccello farfalla e il suo mito a Teotihuacan. "Ancient Mesoamerica" ​​25 (01): 29-48.
  • Rice PM. 2012. Continuità nella retorica politica Maya: K'awiils, k'atuns e kennings. "Ancient Mesoamerica" ​​23 (01): 103-114.
  • Sharer RJ. 2006. "The Ancient Maya". Stanford, California: Stanford University Press.
  • Tedlock D. 1982. Leggendo il Popol Vuh sulle spalle di un divinatore e scoprendo cosa c'è di così divertente. Congiunzioni 3: 176-185.
  • Tedlock D. 1996. "The Popol Vuh: Definitive Edition of the Maya Book of the Dawn of Life and the Glories of Gods and Kings". New York: Touchstone.
  • Woodruff JM. 2011. Ma (r) re Popol Vuh. "Note romantiche" 51 (1): 97-106.