Informazioni

Qual è il passaggio centrale?

Qual è il passaggio centrale?

Il "Passaggio Medio" si riferisce all'orribile viaggio degli schiavi africani dal loro continente di origine verso le Americhe durante il periodo della tratta degli schiavi transatlantici. Gli storici ritengono che il 15% di tutti gli africani caricati su navi schiave non sopravvivesse al Passaggio Medio: la maggior parte morì di malattia a causa delle condizioni disumane e non igieniche in cui furono trasportati.

Key Takeaways: The Middle Passage

  • Il passaggio centrale era la seconda tappa del commercio triangolare di schiavi che andava dall'Europa all'Africa, dall'Africa alle Americhe e poi di nuovo in Europa. Milioni di africani furono stipati strettamente su navi dirette verso le Americhe.
  • Circa il 15% delle persone schiavizzate non è sopravvissuto al Passaggio di mezzo. I loro corpi furono gettati in mare.
  • Il periodo più concentrato del commercio triangolare fu tra il 1700 e il 1808, quando circa i due terzi del numero totale di schiavi si imbarcarono nel Passaggio Medio.

Ampia panoramica del passaggio centrale

Tra il XVI e il XIX secolo, 12,4 milioni di africani furono ridotti in schiavitù dagli europei e trasportati in vari paesi delle Americhe. Il passaggio centrale era la tappa intermedia del "commercio triangolare": gli schiavisti europei avrebbero prima navigato verso la costa occidentale dell'Africa per commerciare una varietà di merci per le persone che erano state catturate in guerra, rapite o condannate alla schiavitù come punizione per un crimine; trasporterebbero poi le persone schiavizzate nelle Americhe e le venderebbero per acquistare zucchero, rum e altri prodotti; la terza tappa del viaggio è tornata in Europa.

Alcuni storici ritengono che un ulteriore 15% dei 12,4 milioni sia morto prima ancora di salire a bordo delle navi schiave, mentre venivano fatti marciare in catene dal punto di cattura alle coste occidentali dell'Africa. Circa 1,8 milioni di africani ridotti in schiavitù non arrivarono mai a destinazione nelle Americhe, soprattutto a causa delle condizioni antigieniche in cui furono ospitati durante il lungo viaggio di mesi.

Circa il 40% della popolazione asservita totale è andata in Brasile, il 35% è andato in colonie non spagnole e il 20% è andato direttamente in colonie spagnole. Meno del 5%, circa 400.000 persone schiavizzate, andarono direttamente in Nord America; la maggior parte degli schiavi statunitensi passarono prima attraverso i Caraibi. Tutte le potenze europee - Portogallo, Spagna, Inghilterra, Francia, Paesi Bassi e persino Germania, Svezia e Danimarca - hanno partecipato alla tratta degli schiavi. Il Portogallo era il più grande trasportatore di tutti, ma la Gran Bretagna era dominante nel 18 ° secolo.

Il periodo più concentrato del commercio triangolare fu tra il 1700 e il 1808, quando circa i due terzi del numero totale di schiavi furono trasportati nelle Americhe. Oltre il 40% è stato trasportato su navi britanniche e americane da sei regioni: Senegambia, Sierra Leone / Costa a Vento, Gold Coast, Bight of Benin, Bight of Biafra e Africa centro-occidentale (Kongo, Angola). Questi schiavi furono portati principalmente nelle colonie dei Caraibi britannici dove fu acquistato oltre il 70% di tutti gli schiavi (oltre la metà in Giamaica), ma alcuni andarono anche nei Caraibi spagnoli e francesi.

Il viaggio transatlantico

Ogni nave trasportava diverse centinaia di persone, circa il 15% delle quali morì durante il viaggio. I loro corpi furono gettati in mare e spesso mangiati dagli squali. Gli schiavi venivano nutriti due volte al giorno e si aspettavano di esercitarsi, spesso costretti a ballare mentre erano in catene (e di solito in catene con un'altra persona), al fine di arrivare in buone condizioni per la vendita. Furono tenuti nella stiva della nave per 16 ore al giorno e portati sul ponte di coperta per 8 ore, tempo permettendo. I medici controllavano regolarmente la loro salute per assicurarsi di poter ottenere prezzi elevati una volta che fossero stati venduti sui blocchi d'asta nelle Americhe.

Le condizioni a bordo erano anche male per i membri dell'equipaggio mal pagati, la maggior parte dei quali lavorava per estinguere i debiti. Sebbene abbiano inflitto violenza agli schiavi, a loro volta sono stati trattati crudelmente dai capitani e soggetti a frustate. L'equipaggio aveva il compito di cucinare, pulire e sorvegliare gli schiavi, anche impedendo loro di saltare in mare. Loro, come gli schiavi, erano soggetti alla dissenteria, la principale causa di morte sulle navi schiave, ma erano anche esposti a nuove malattie in Africa, come la malaria e la febbre gialla. Il tasso di mortalità tra i marinai durante alcuni periodi della tratta degli schiavi era addirittura superiore a quello degli schiavi, oltre il 21%.

Resistenza degli schiavi

Vi sono prove che fino al 10% delle navi schiave subì violente resistenze o insurrezioni da parte di schiavi. Molti si sono suicidati saltando in mare e altri hanno fatto scioperi della fame. Coloro che si ribellarono furono puniti crudelmente, sottoposti a cibo forzato o frustati pubblicamente (per dare l'esempio ad altri) con un "gatto-o'-nove code (una frusta di nove corde annodate attaccate a una maniglia)". Il capitano doveva fare attenzione a usare violenza eccessiva, tuttavia, poiché aveva il potenziale di provocare insurrezioni più grandi o più suicidi e perché i commercianti nelle Americhe desideravano che arrivassero in buone condizioni.

Impatto e fine del passaggio centrale

Gli schiavi venivano da molti gruppi etnici diversi e parlavano lingue diverse. Tuttavia, una volta incatenati insieme sulle navi schiave e arrivati ​​nei porti americani, ricevettero nomi inglesi (o spagnoli o francesi). Le loro distinte identità etniche (Igbo, Kongo, Wolof, Dahomey) furono cancellate, poiché furono trasformate in persone semplicemente "nere" o "schiavizzate".

Alla fine del XVIII secolo, gli abolizionisti britannici iniziarono a ispezionare le navi schiave e a pubblicizzare i dettagli del Passaggio Medio per avvisare il pubblico delle orribili condizioni delle navi schiave e ottenere supporto per la loro causa. Nel 1807 sia la Gran Bretagna che gli Stati Uniti vietarono la tratta degli schiavi (ma non la schiavitù), ma gli africani continuarono ad essere importati in Brasile fino a quando quel paese vietò il commercio nel 1831 e gli spagnoli continuarono a importare schiavi africani a Cuba fino al 1867.

The Middle Passage è stato referenziato e reinventato in dozzine di opere di letteratura e film afroamericani, più recentemente nel 2018 nel terzo film di maggior incasso di tutti i tempi, Pantera nera.

Fonti

  • Rediker, Marcus.La nave schiava: una storia umana. New York: Penguin Books, 2007.
  • Miller, Joseph C. "Il commercio di schiavi transatlantici".Enciclopedia Virginia. Virginia Foundation for the Humanities, 2018, //www.encyclopediavirginia.org/Transatlantic_Slave_Trade_The
  • Wolfe, Brendan. "Slave Ships and the Middle Passage".Enciclopedia Virginia. Virginia Foundation for the Humanities, 2018, //www.encyclopediavirginia.org/slave_ships_and_the_middle_passage