Consigli

Ponzio Pilato

Ponzio Pilato

Definizione: Le date di Ponzio Pilato (Ponzio Pilato), prefetto della provincia romana della Giudea, non sono note, ma rimase in carica dal 26 al 36 d.C. Ponzio Pilato è entrato nella storia a causa del suo ruolo nell'esecuzione di Gesù e per la sua menzione nella dichiarazione di fede cristiana nota come Credo di Nicea dove dice "... crocifisso sotto Ponzio Pilato ..."

L'iscrizione Pilato di Cesarea Marittima

Un ritrovamento archeologico realizzato durante uno scavo, guidato dall'archeologo italiano Dr. Antonio Frova, ha effettivamente posto fine al dubbio che Pilato fosse reale. Il manufatto è ora nel Museo di Israele a Gerusalemme come numero di inventario AE 1963 n. 104. C'era anche la letteratura, sia biblica che storica e persino contemporanea con Pilato, a testimonianza della sua esistenza, ma è piena di pregiudizi religiosi, quindi la scoperta del 20 ° secolo era importante. Pilato appare in latino su un'iscrizione in pietra calcarea di 2'x3 '(82 cm x 65 cm) trovata nel 1961 a Cesarea Marittima che lo collega al regno dell'imperatore Tiberio. Si riferisce a lui come prefetto (a Praefectus civitatium) piuttosto che procuratore, come lo chiama lo storico romano Tacito.

Pilato contro il re dei giudei

Pilato lavorò con i leader ebrei per provare l'uomo conosciuto con il titolo di Re degli ebrei, una posizione che rappresentava una minaccia politica. Nell'impero romano, la pretesa di essere re era tradimento. Il titolo fu messo sulla croce su cui fu crocifisso Gesù: le iniziali INRI rappresentano il latino per il nome di Gesù e il suo titolo Re dei Giudei (Iesus Nazareno Rex IJudaeorum). Maier pensa che l'uso del titolo sulla Croce trasmetta derisione.

Altri incidenti che coinvolgono Pilato

I Vangeli registrano le azioni di Pilato nei confronti di Gesù. Ma Pilato era più che un ufficiale romano al processo. Maier afferma che ci sono cinque incidenti che coinvolgono Ponzio Pilato, noti da fonti secolari. L'ultimo incidente fu il suo richiamo da parte del proconsole romano Vitellio (padre dell'omonimo imperatore) e il suo arrivo a Roma nel 37 d.C. dopo la morte dell'imperatore Tiberio.

Le nostre fonti secolari per gli errori incolpati di Ponzio Pilato sono tutt'altro che oggettivi. Jona Lendering afferma che Josephus "cerca di spiegare al pubblico non ebreo che l'errato governo di alcuni governatori ha aggiunto carburante a un fuoco fumante ..." Lendering afferma che Filone d'Alessandria ha dovuto rappresentare Pilato come un mostro per rappresentare l'imperatore romano come un buon sovrano a confronto.

Tacito (Annali 15.44) menziona anche Ponzio Pilato:

Christus, da cui il nome ha avuto origine, ha subito l'estrema penalità durante il regno di Tiberio per mano di uno dei nostri procuratori, Ponzio Pilato, e una superstizione più birichina, così verificata per il momento, di nuovo scoppiata non solo in Giudea , la prima fonte del male, ma anche a Roma, dove tutte le cose orribili e vergognose di ogni parte del mondo trovano il loro centro e diventano popolari.
Archivi Classici di Internet - Tacito

Il mistero della fine di Pilato

Ponzio Pilato è noto per essere stato un governatore romano della Giudea dal 26 al 36 d.C. circa, che è un lungo mandato per un incarico che normalmente durava solo 1-3 anni. Maier usa questa osservazione per sostenere il suo concetto di Pilato come un prefetto tutt'altro che terribile (Praefectus Iudaeae). Pilato fu ricordato dopo che si diceva che avesse massacrato migliaia di pellegrini samaritani (uno dei quattro episodi di cattiva amministrazione). Il destino di Pilato sarebbe stato deciso sotto Caligola da quando Tiberio morì prima che Pilato raggiungesse Roma. Non sappiamo davvero cosa sia successo a Ponzio Pilato, a parte il fatto che non è stato reintegrato in Giudea. Maier pensa che Caligola abbia usato la stessa clemenza che ha usato per gli altri accusati di tradimento sotto Tiberio, anche se le versioni popolari di ciò che è successo a Pilato sono che è stato mandato in esilio e si è suicidato o che si è suicidato e che il suo corpo è stato gettato nel Tevere. Maier afferma che Eusebio (4 ° secolo) e Orosio (5 ° secolo) sono le prime fonti dell'idea che Ponzio Pilato si sia tolto la vita. Filone, che era un contemporaneo di Ponzio Pilato, non menziona una punizione sotto Caligola o un suicidio.

Ponzio Pilato potrebbe essere stato il mostro che è stato dipinto o potrebbe essere stato un amministratore romano in una provincia difficile che si trovava in carica al momento del processo e dell'esecuzione di Gesù.

Riferimenti di Ponzio Pilato:

  • "Il destino di Ponzio Pilato" di Paul L. Maier; Ermete; Vol. 99, n. 3 (1971), pagg. 362-371
  • "L'iscrizione sulla croce di Gesù di Nazaret" di Paul L. Maier; Ermete Vol. 124, n. 1 (1996), pagg. 58-75
  • Jona Lendering - Pontius Pilate
  • Iscrizione Pilato

Esempi: Ricostruzione suggerita dell'iscrizione Pilato a 4 righe (Pontius), da K.C. Il sito di Hanson:

DIS AUGUSTI S TIBERIEUM
... PO NTIUS PILATUS
... PRAEF ECTUS IUDAEA E
... FECIT D EDICAVIT

Come puoi vedere, l'evidenza che Ponzio Pilato fosse "prefetto" deriva dalle lettere "ectus". Il Ectus è solo la fine di una parola, molto probabilmente proveniente dal participio passato di un verbo facio-composto come prae + facio> praeficio per altre parole perfette, vedi Affetto ed effetto, il cui participio passato è praefectus. Ad ogni modo, la parola non lo è procuratore. Il materiale tra parentesi quadre è la ricostruzione colta. L'idea che si trattasse di una dedica di un tempio si basa su tale ricostruzione (che include la conoscenza degli scopi comuni di tali pietre), poiché la parola per gli dei è la "dis" tra parentesi e anche la maggior parte del verbo per dedicare è ricostruzione, ma Tibereium no. Con queste disposizioni, una ricostruzione suggerita dell'iscrizione è © K. C. Hanson e Douglas E. Oakman:

Agli onorevoli dei (questo) Tiberio
Ponzio Pilato,
Prefetto della Giudea,
aveva dedicato

Guarda il video: Alla ricerca di Ponzio Pilato (Febbraio 2020).