Interessante

Citazioni di verità sul soggiorno relative all'abolizione e ai diritti delle donne

Citazioni di verità sul soggiorno relative all'abolizione e ai diritti delle donne

Sojourner Truth è nato schiavo ed è diventato un portavoce popolare per l'abolizione, i diritti delle donne e la temperanza. Sin dall'inizio una produttrice di storia - è stata la prima donna nera a vincere un procedimento giudiziario contro un uomo bianco quando ha ottenuto la custodia di suo figlio dopo essere fuggita - è diventata una delle figure più conosciute dell'epoca.

Il suo famoso "Non sono una donna?" il discorso è noto in diverse varianti, perché la stessa Sojourner Truth non l'ha scritto; tutte le copie del discorso provengono al massimo da fonti di seconda mano. Fu consegnato alla Convention delle donne di Akron, Ohio, il 29 maggio 1851, e fu pubblicato per la prima volta su Bugle anti schiavitù il 21 giugno 1851.

La vita pubblica e le osservazioni della verità contenevano molte citazioni che sono sopravvissute nel tempo.

Citazioni di verità di soggiorno selezionate

  • E io non sono una donna?
  • C'è grande scalpore nel fatto che gli uomini di colore ottengano i loro diritti, ma non una parola sulle donne di colore; e se gli uomini colorati ottengono i loro diritti, e non le loro donne colorate, vedrai che gli uomini colorati saranno padroni delle donne, e sarà altrettanto brutto di prima. Quindi sono per mantenere la cosa mentre le cose si muovono; perché se aspettiamo che sia fermo, ci vorrà un bel po 'per farlo ripartire. - Convenzione sulla parità dei diritti, New York, 1867
  • È la mente che crea il corpo.
  • Se la prima donna che Dio abbia mai creato fosse abbastanza forte da capovolgere il mondo da solo, queste donne insieme dovrebbero essere in grado di capovolgerlo e rimetterlo di nuovo a posto! E ora stanno chiedendo di farlo, è meglio che gli uomini lo facciano.
  • La verità brucia l'errore.
  • Da dove viene il tuo Cristo? Da Dio e da una donna! L'uomo non aveva nulla a che fare con lui.
  • La religione senza umanità è roba povera umana.

Due versioni, un discorso

Il discorso più famoso di Truth, "Ain't I A Woman", è stato tramandato nel corso della storia in una versione decisamente diversa da quella che aveva originariamente pronunciato. Durante la guerra civile americana, le sue osservazioni riacquistarono popolarità e furono ripubblicate nel 1863 da Frances Dana Barker Gage. Questa versione è stata "tradotta" in un dialetto stereotipato di schiavi del sud, mentre la stessa verità è cresciuta a New York e parlava olandese come prima lingua. Gage ha anche abbellito le osservazioni originali della Verità, esagerando le affermazioni (per esempio, affermando che la Verità aveva avuto tredici figli quando la Verità vera ne aveva cinque).

La versione di Gage include un dispositivo di inquadratura che raffigura una folla ostile conquistata dal discorso quasi miracoloso di Truth. Contrasta anche l'inglese "normale" parlato dagli astanti con il dialetto pesante della versione di Verità di Gage:

  • "Dat man ober dar dice che Dat Womin ha bisogno di essere aiutato nelle carrozze, e ha sollevato fossati ober e ha il posto migliore ogni giorno. Nessuno eber mi aiuta nelle carrozze, o ober pozzanghere di fango, o mi offre il posto migliore!" E alzandosi alla sua massima altezza, e la sua voce a un passo come tuoni rotolanti, chiese "E non sono una donna? Guardami! Guardami! Guarda il mio braccio! (E ha scoperto la sua destra braccio alla spalla, mostrando il suo tremendo potere muscolare.) Ho arato, piantato e raccolto in stalle, e nessun uomo poteva guidarmi! E io non sono una donna? Potrei lavorare tanto e mangiare tanto come un uomo - quando potrei prenderlo - e sopportare un pozzo di sferzata! E non sono una donna? Ho portato tredici cileni, e li ho visti tutti venduti alla schiavitù, e quando ho gridato con il dolore di mia madre, nessuno tranne Gesù mi ha ascoltato! E non sono una donna?

Al contrario, la trascrizione originale, scritta da Marius Robinson (che ha partecipato alla convention in cui parlava la Verità), descrive la Verità come un inglese americano standard, senza segni di accento o dialetto. Lo stesso passaggio recita:

  • "Voglio dire qualche parola su questo argomento. Sono i diritti di una donna. Ho più muscoli di qualsiasi uomo e posso fare tutto il lavoro di qualsiasi altro uomo. Ho arato e raccolto e sbucciato e tritato e falciato, e Qualcuno può fare di più? Ho sentito molto parlare dei sessi in modo uguale. Posso portare tanto quanto qualsiasi altro uomo e posso mangiare anche tanto, se posso ottenerlo. Sono forte come qualsiasi uomo che è ora Per quanto riguarda l'intelletto, tutto ciò che posso dire è se una donna ha una pinta e un uomo un litro - perché non può avere la sua piccola pinta piena? Non devi aver paura di darci i nostri diritti per la paura che prenderemo troppo, perché non possiamo prendere più di quello che la nostra pinta terrà. I poveri sembrano essere tutti confusi e non sanno cosa fare. Perché i bambini, se hai i diritti della donna, daglielo e ti sentirai meglio. Avrai i tuoi diritti e non saranno così tanti problemi. Non so leggere, ma posso sentire. Ho ascoltato la Bibbia e ho imparato che Eva ha causato il peccato all'uomo. , se la donna sconvolge il mondo, dille un'occasione per rimetterlo sul lato destro ".

Fonti

  • Storia del suffragio femminile, ed. Elizabeth Cady Stanton, Susan B. Anthony e Matilda Joslyn Gage, 2a edizione, Rochester, NY: 1889.
  • Mabee, Carleton e Susan Mabee Newhouse.Verità del soggiorno: schiava, profeta, leggenda. NYU Press, 1995.