Interessante

Dairy Farming: la storia antica della produzione di latte

Dairy Farming: la storia antica della produzione di latte

I mammiferi produttori di latte erano una parte importante della prima agricoltura nel mondo. Le capre erano tra i nostri primi animali domestici, adattati per la prima volta nell'Asia occidentale da forme selvatiche circa 10.000 a 11.000 anni fa. Il bestiame è stato addomesticato nel Sahara orientale non oltre 9000 anni fa. Supponiamo che almeno una delle ragioni principali di questo processo sia stata quella di rendere più facile ottenere una fonte di carne rispetto alla caccia. Ma anche gli animali domestici fanno bene al latte e ai prodotti lattiero-caseari come il formaggio e lo yogurt (parte di ciò che V.G. Childe e Andrew Sherratt una volta chiamavano la rivoluzione dei prodotti secondari). Quindi ― quando è iniziato il caseificio e come lo sappiamo?

Le prime prove fino ad oggi per la lavorazione dei grassi del latte provengono dal Neolitico antico del VII millennio a.C. nell'Anatolia nordoccidentale; il sesto millennio a.C. nell'Europa orientale; il quinto millennio a.C. in Africa; e il quarto millennio a.C. in Gran Bretagna e nel Nord Europa (cultura del becher a imbuto).

Prove Dairying

Le prove del caseificio ― vale a dire, mungere le mandrie da latte e trasformarle in prodotti caseari come burro, yogurt e formaggio ― sono note solo grazie alle tecniche combinate di analisi isotopica stabile e ricerca lipidica. Fino a quando questo processo non fu identificato all'inizio del 21 ° secolo (da Richard P. Evershed e colleghi), i filtri in ceramica (vasi in ceramica perforati) erano considerati l'unico metodo potenziale per riconoscere la lavorazione dei prodotti lattiero-caseari.

Analisi lipidica

I lipidi sono molecole insolubili in acqua, inclusi grassi, oli e cere: burro, olio vegetale e colesterolo sono tutti lipidi. Sono presenti in prodotti lattiero-caseari (formaggio, latte, yogurt) e archeologi come loro perché, nelle giuste circostanze, le molecole lipidiche possono essere assorbite nel tessuto ceramico e conservate per migliaia di anni. Inoltre, le molecole lipidiche che provengono dai grassi del latte di capre, cavalli, bovini e ovini possono essere facilmente distinte da altri grassi adiposi come quello prodotto dalla lavorazione o dalla cottura delle carcasse di animali.

Le antiche molecole lipidiche hanno le migliori possibilità di sopravvivere per centinaia o migliaia di anni se la nave fosse usata ripetutamente per produrre formaggio, burro o yogurt; se le navi sono conservate vicino al sito di produzione e possono essere associate alla trasformazione; e se i terreni nelle vicinanze del sito in cui si trovano i frammenti sono relativamente a drenaggio libero e pH acido o neutro piuttosto che alcalini.

I ricercatori estraggono i lipidi dal tessuto delle pentole usando solventi organici, e poi quel materiale viene analizzato usando una combinazione di gascromatografia e spettrometria di massa; un'analisi isotopica stabile fornisce l'origine dei grassi.

Persistenza da latte e lattasi

Naturalmente, non tutte le persone sulla terra possono digerire il latte o i prodotti lattiero-caseari. Un recente studio (Leonardi et al 2012) ha descritto i dati genetici relativi alla continuazione della tolleranza al lattosio in età adulta. L'analisi molecolare delle varianti genetiche nelle persone moderne suggerisce che l'adattamento e l'evoluzione della capacità degli adulti di consumare latte fresco si sono verificati rapidamente in Europa durante il passaggio agli stili di vita degli agricoltori, come sottoprodotto dell'adattamento al caseificio. Ma l'incapacità degli adulti di consumare latte fresco può anche essere stata uno stimolo per inventare altri metodi per l'utilizzo delle proteine ​​del latte: la produzione di formaggio, ad esempio, riduce la quantità di acido lattosio nei latticini.

La produzione di formaggio

La produzione di formaggio dal latte è stata chiaramente un'invenzione utile: il formaggio può essere conservato per un periodo più lungo rispetto al latte crudo ed è stato sicuramente più digeribile per i primi agricoltori. Mentre gli archeologi hanno trovato vasi perforati nei primi siti archeologici del Neolitico e li hanno interpretati come colini di formaggio, la prova diretta di questo uso è stata segnalata per la prima volta nel 2012 (Salque et al).

Produrre formaggio comporta l'aggiunta di un enzima (tipicamente caglio) al latte per coagularlo e creare cagliata. Il liquido rimanente, chiamato siero di latte, deve gocciolare via dalla cagliata: i moderni casari usano una combinazione di un setaccio di plastica e un panno di mussola di qualche tipo come filtro per eseguire questa azione. I primi setacci in ceramica perforata conosciuti finora provengono da siti di Linearbandkeramik nell'Europa centrale interna, tra il 5200 e il 4800 a.C.

Salque e colleghi hanno utilizzato la gascromatografia e la spettrometria di massa per analizzare i residui organici di cinquanta frammenti di setacci trovati in una manciata di siti LBK sul fiume Vistola nella regione di Kuyavia in Polonia. Le pentole perforate sono risultate positive per elevate concentrazioni di residui di latte rispetto alle pentole. Le navi a forma di scodella includevano anche grassi da latte e potrebbero essere state usate con i setacci per raccogliere il siero di latte.

Fonti

Copley MS, Berstan R, Dudd SN, Docherty G, Mukherjee AJ, Straker V, Payne S e Evershed RP. 2003. Prove chimiche dirette per caseifici diffusi nella Gran Bretagna preistorica. Atti della National Academy of Sciences 100(4):1524-1529.

Copley MS, Berstan R, Mukherjee AJ, Dudd SN, Straker V, Payne S e Evershed RP. 2005. Latteria nell'antichità I. Prove da residui lipidici assorbiti risalenti all'età del ferro britannica. Journal of Archaeological Science 32(4):485-503.

Copley MS, Berstan R, Mukherjee AJ, Dudd SN, Straker V, Payne S e Evershed RP. 2005. Latteria nell'antichità II. Prove da residui lipidici assorbiti risalenti all'età del bronzo britannica. Journal of Archaeological Science 32(4):505-521.

Copley MS, Berstan R, Mukherjee AJ, Dudd SN, Straker V, Payne S e Evershed RP. 2005. Latteria nell'antichità III: evidenza di residui lipidici assorbiti risalenti al Neolitico britannico. Journal of Archaeological Science 32(4):523-546.

Craig OE, Chapman J, Heron C, Willis LH, Bartosiewicz L, Taylor G, Whittle A e Collins M. 2005. I primi agricoltori dell'Europa centrale e orientale hanno prodotto latticini? antichità 79(306):882-894.

Cramp LJE, Evershed RP ed Eckardt H. 2011. A cosa serviva un mortarium? Residui organici e cambiamenti culturali nell'età del ferro e nella Britannia romana. antichità 85(330):1339-1352.

Dunne, Julie. "Prima latteria nell'Africa sahariana verde nel quinto millennio a.C." Nature volume 486, Richard P. Evershed, Mélanie Salque, et al., Nature, 21 giugno 2012.

Isaksson S e Hallgren F. 2012. Analisi dei residui lipidici delle prime ceramiche neolitiche a becher a imbuto di Skogsmossen, Svezia centrale orientale e le prime prove di caseifici in Svezia. Journal of Archaeological Science 39(12):3600-3609.

Leonardi M, Gerbault P, Thomas MG e Burger J. 2012. L'evoluzione della persistenza della lattasi in Europa. Una sintesi di prove archeologiche e genetiche. International Dairy Journal 22 (2): 88-97.

Reynard LM, Henderson GM e Hedges REM. 2011. Isotopi di calcio nelle ossa archeologiche e loro relazione con il consumo di latte. Journal of Archaeological Science 38(3):657-664.

Salque, Mélanie. "Le prime prove della produzione del formaggio nel sesto millennio a.C. nel nord Europa." Nature volume 493, Peter I. Bogucki, Joanna Pyzel, et al., Nature, 24 gennaio 2013.

Guarda il video: Fabbriche di latte, milk industry - dairy cows (Febbraio 2020).