Consigli

Dichiarazione di indipendenza del Venezuela nel 1810

Dichiarazione di indipendenza del Venezuela nel 1810

La repubblica del Venezuela celebra la sua indipendenza dalla Spagna in due diverse date: il 19 aprile, quando fu firmata una prima dichiarazione di semiindipendenza dalla Spagna nel 1810, e il 5 luglio, quando fu firmata una rottura più definitiva nel 1811. Il 19 aprile è noto come "Firma Acta de la Independencia" o "Firma dell'atto di indipendenza".

Napoleone invade la Spagna

I primi anni del diciannovesimo secolo furono turbolenti in Europa, in particolare in Spagna. Nel 1808, Napoleone Bonaparte invase la Spagna e mise suo fratello Joseph sul trono, gettando la Spagna e le sue colonie nel caos. Molte colonie spagnole, ancora fedeli al deposto re Ferdinando, non sapevano come reagire al nuovo sovrano. Alcune città e regioni optarono per un'indipendenza limitata: si sarebbero prese cura dei propri affari fino al momento in cui Ferdinando fosse stato restaurato.

Venezuela: pronto per l'indipendenza

Il Venezuela era maturo per l'indipendenza molto prima di altre regioni sudamericane. Il patriota venezuelano Francisco de Miranda, un ex generale della rivoluzione francese, condusse un fallito tentativo di avviare una rivoluzione in Venezuela nel 1806, ma molti approvarono le sue azioni. I giovani leader del marchio del fuoco come Simón Bolívar e José Félix Ribas stavano parlando attivamente di fare una pausa dalla Spagna. L'esempio della rivoluzione americana era fresco nelle menti di questi giovani patrioti, che volevano la libertà e la propria repubblica.

La Spagna napoleonica e le colonie

Nel gennaio del 1809, un rappresentante del governo Joseph Bonaparte arrivò a Caracas e chiese che le tasse continuassero a essere pagate e che la colonia riconoscesse Joseph come il loro monarca. Caracas, prevedibilmente, esplose: la gente scese in strada dichiarando lealtà a Ferdinando. Fu proclamata una giunta al potere e fu deposto Juan de Las Casas, il capitano generale del Venezuela. Quando giunse la notizia a Caracas che a Siviglia era stato istituito un governo lealista spagnolo a dispetto di Napoleone, le cose si raffreddarono per un po 'e Las Casas riuscì a ristabilire il controllo.

19 aprile 1810

Il 17 aprile 1810, tuttavia, giunse a Caracas la notizia che il governo fedele a Ferdinando era stato schiacciato da Napoleone. La città è esplosa di nuovo nel caos. I patrioti che favorivano la piena indipendenza e i realisti fedeli a Ferdinando potevano concordare su una cosa: non tolleravano il dominio francese. Il 19 aprile, i patrioti creoli hanno affrontato il nuovo capitano generale Vicente Emparán e hanno chiesto l'autogoverno. Emparán fu privato dell'autorità e rimandato in Spagna. José Félix Ribas, un ricco giovane patriota, attraversò Caracas, esortando i leader creoli a venire alla riunione che si svolgeva nelle camere del consiglio.

Indipendenza provvisoria

L'élite di Caracas concordò un'indipendenza provvisoria dalla Spagna: si ribellarono a Joseph Bonaparte, non alla corona spagnola, e si sarebbero occupati dei loro affari fino a quando Ferdinando VII non fu restaurato. Tuttavia, presero alcune decisioni rapide: bandirono la schiavitù, esentarono gli indiani dal rendere omaggio, ridussero o rimossero le barriere commerciali e decisero di inviare inviati negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Il ricco giovane nobile Simón Bolívar ha finanziato la missione a Londra.

Eredità del movimento del 19 aprile

Il risultato dell'Atto di Indipendenza fu immediato. In tutto il Venezuela, città e paesi hanno deciso di seguire la guida di Caracas o meno: molte città hanno scelto di rimanere sotto il dominio spagnolo. Ciò ha portato alla lotta e alla guerra civile di fatto in Venezuela. All'inizio del 1811 fu convocato un Congresso per risolvere gli aspri combattimenti tra i venezuelani.

Sebbene fosse nominalmente leale a Ferdinando - il nome ufficiale della giunta dominante era "Giunta di conservazione dei diritti di Ferdinando VII" - il governo di Caracas era, in effetti, abbastanza indipendente. Si rifiutò di riconoscere il governo ombra spagnolo che era leale a Ferdinando e molti ufficiali, burocrati e giudici spagnoli furono rimandati in Spagna insieme a Emparán.

Nel frattempo, il leader patriota in esilio Francisco de Miranda tornò e giovani radicali come Simón Bolívar, che favorirono l'indipendenza incondizionata, ottennero influenza. Il 5 luglio 1811, la giunta al potere votò a favore della completa indipendenza dalla Spagna: il loro autogoverno non dipendeva più dallo stato del re spagnolo. Nacque così la prima Repubblica venezuelana, destinata a morire nel 1812 dopo un disastroso terremoto e una pressione militare incessante da parte delle forze realiste.

La pronuncia del 19 aprile non fu la prima del suo genere in America Latina: la città di Quito aveva pronunciato una pronuncia simile nell'agosto del 1809. Tuttavia, l'indipendenza di Caracas ebbe effetti molto più duraturi di quella di Quito, che fu rapidamente soppressa . Consentì il ritorno del carismatico Francisco de Miranda, la volta di Simón Bolívar, José Félix Ribas e altri leader patrioti alla fama, e gettò le basi per la vera indipendenza che seguì. Inoltre causò inavvertitamente la morte del fratello di Simón Bolívar Juan Vicente, che morì in un naufragio mentre tornava da una missione diplomatica negli Stati Uniti nel 1811.

fonti:

Harvey, Robert. Liberatori: la lotta per l'indipendenza dell'America Latina Woodstock: The Overlook Press, 2000.

Lynch, John. The American American Revolutions 1808-1826 New York: W. W. Norton & Company, 1986.

Lynch, John. Simon Bolivar: A Life. New Haven e Londra: Yale University Press, 2006.