Consigli

Vita preistorica durante il periodo Devoniano

Vita preistorica durante il periodo Devoniano

Dal punto di vista umano, il periodo devoniano è stato un momento cruciale per l'evoluzione della vita dei vertebrati: questo era il periodo della storia geologica in cui i primi tetrapodi uscirono dai mari primordiali e iniziarono a colonizzare la terraferma. Il Devoniano occupò la parte centrale dell'era paleozoica (542-250 milioni di anni fa), preceduta dai periodi Cambriano, Ordoviciano e Siluriano e seguita dai periodi Carbonifero e Permiano.

Clima e geografia

Il clima globale durante il periodo devoniano era sorprendentemente mite, con temperature oceaniche medie di "solo" da 80 a 85 gradi Fahrenheit (rispetto agli alti 120 gradi durante i precedenti periodi Ordoviciano e Siluriano). I poli nord e sud erano solo leggermente più freddi delle aree più vicine all'equatore e non c'erano calotte di ghiaccio; gli unici ghiacciai dovevano essere trovati in cima alle alte catene montuose. I piccoli continenti di Laurentia e Baltica si fusero gradualmente per formare l'Euramerica, mentre il gigante Gondwana (che era destinato a spezzarsi milioni di anni dopo in Africa, Sud America, Antartide e Australia) continuò la sua lenta deriva verso sud.

Vita terrestre

Vertebrati. Fu durante il periodo devoniano che ebbe luogo l'archetipo dell'evento evolutivo nella storia della vita: l'adattamento dei pesci con pinne a lobi alla vita sulla terra ferma. I due migliori candidati per i primi tetrapodi (vertebrati a quattro zampe) sono Acanthostega e Ichthyostega, che a loro volta si sono evoluti da precedenti vertebrati marini come Tiktaalik e Panderichthys. Sorprendentemente, molti di questi primi tetrapodi possedevano sette o otto cifre su ciascuno dei loro piedi, il che significa che rappresentavano "vicoli ciechi" in evoluzione poiché tutti i vertebrati terrestri sulla terra oggi impiegano il piano corporeo a cinque dita a cinque dita.

invertebrati. Sebbene i tetrapodi fossero certamente la più grande notizia del periodo devoniano, non erano gli unici animali a colonizzare la terraferma. C'era anche una vasta gamma di piccoli artropodi, vermi, insetti incapaci di volare e altri fastidiosi invertebrati, che sfruttarono i complessi ecosistemi vegetali terrestri che iniziarono a svilupparsi in quel momento per diffondersi gradualmente nell'interno (anche se non ancora troppo lontano da corpi idrici ). Durante questo periodo, tuttavia, la vasta mole della vita sulla terra viveva in profondità nell'acqua.

Vita marina

Il periodo devoniano segnò sia l'apice che l'estinzione dei placodermi, pesci preistorici caratterizzati dalla loro resistente armatura (alcuni placodermi, come l'enorme Dunkleosteus, raggiunsero pesi di tre o quattro tonnellate). Come notato sopra, il Devoniano pullulava anche di pesci con pinne a lobi, da cui si sono evoluti i primi tetrapodi, così come relativamente nuovi pesci con pinne di raggio, la più popolosa famiglia di pesci sulla terra oggi. Squali relativamente piccoli - come lo Stethacanthus ornato in modo bizzarro e il Cladoselache stranamente senza squame - erano uno spettacolo sempre più comune nei mari della Devonia. Invertebrati come spugne e coralli hanno continuato a prosperare, ma i ranghi dei trilobiti sono stati diluiti e solo i giganteschi euripteridi (scorpioni marini invertebrati) hanno gareggiato con successo con gli squali vertebrati come prede.

Flora

Fu durante il periodo devoniano che le regioni temperate dei continenti in evoluzione della terra divennero per la prima volta veramente verdi. Il Devoniano fu testimone delle prime giungle e foreste significative, la cui diffusione fu aiutata dalla competizione evolutiva tra le piante per raccogliere quanta più luce solare possibile (in una fitta chioma forestale, un albero alto ha un vantaggio significativo nel raccogliere energia su un piccolo arbusto ). Gli alberi del tardo periodo devoniano furono i primi a sviluppare la corteccia rudimentale (per sostenere il loro peso e proteggere i loro tronchi), nonché robusti meccanismi interni di conduzione dell'acqua che aiutarono a contrastare la forza di gravità.

L'estinzione end-devoniana

La fine del periodo Devoniano inaugurò la seconda grande estinzione della vita preistorica sulla terra, la prima fu l'evento di estinzione di massa alla fine del periodo Ordoviciano. Non tutti i gruppi animali sono stati ugualmente colpiti dall'estinzione Endonia-Devoniana: i placodermi e i trilobiti che vivono nelle scogliere erano particolarmente vulnerabili, ma gli organismi di acque profonde sono fuggiti relativamente incolumi. Le prove sono imprecise, ma molti paleontologi ritengono che l'estinzione devoniana sia stata causata da molteplici impatti meteorici, detriti dai quali potrebbero aver avvelenato le superfici di laghi, oceani e fiumi.